Tel: +39 06 64502432

 

Sostituzione degli infissi nel condominio

4 anni fa

In un condominio con riscaldamento centralizzato è possibile usufruire della detrazione del 65% per sostituire sia gli infissi che la porta d’ingresso?

Il fatto che l’impianto di riscaldamento del condominio in cui risiede il contribuente sia centralizzato è del tutto ininfluente sulla possibilità di fruire delle agevolazioni fiscali previste dalla Legge.

INFISSI, INTERVENTO DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA. Sotto il profilo urbanistico, la sostituzione degli infissi è intervento di manutenzione straordinaria e come tale necessita di una Dia (denuncia di inizio attività) articolo 3 comma 1, lettera b), Dpr 380/2001. In ogni caso, è opportuno verificare se il regolamento edilizio del comune in cui è sito il fabbricato prevede effettivamente la necessità della Dia per tale intervento. Anche la sostituzione degli infissi con altri ad alta efficienza energetica rientra tra gli interventi per i quali è ammessa la detrazione del 65% ai sensi dell’articolo 1, commi 344-352, della legge 27 dicembre 2006, n. 296 Finanziaria 2007, così come modificata dalla Legge n. 90 del 3 agosto 2013 (di conversione del DL n. 63 del 4 giugno 2013 “Disposizioni urgenti per il recepimento della Direttiva 2010/31/UE, sulla prestazione energetica nell’edilizia”) che ha innalzato la percentuale di detrazione dal 55% al 65% e dalla Legge di Stabilità 2014 che ha prorogato l’agevolazione al 31 dicembre 2014 (30 giugno 2015 per i condomìni) con detrazione massima di 60.000 euro in dieci anni.

 

DUE DICHIARAZIONI. Dal punto di vista di ciò che deve essere documentato nel caso di singole unità immobiliari come quella citata, occorrono solo due dichiarazioni. In primo luogo l’asseverazione rilasciata da un tecnico abilitato, che specifichi il valore della trasmittanza termica degli infissi dismessi (eventualmente stimandola in base alle caratteristiche del profilato e della tipologia del vetro) e dei nuovi infissi assicurando il non superamento dei valori limite prescritti dal D.M. 26/1/10. Questa asseverazione può essere validamente sostituita da una certificazione del produttore della finestra con le stesse specifiche relative alla trasmittanza degli infissi vecchi e nuovi (documento da conservare). 

 

Il secondo documento è la scheda informativa semplificata (o allegato F al “decreto edifici”, da compilare a video, anche a cura dell’utente finale senza l’ausilio del tecnico, e da inviare all’ENEA via web). L’unico requisito tecnico richiesto è il valore della trasmittanza termica delle finestre comprensive di infissi che deve rispondere ai valori in tabella 2 del D.M. 26/1/10.

Infine è opportuno tenere presente che l’articolo 3 del DPR 59/09 stabilisce che per le metodologie di calcolo delle prestazioni energetiche degli edifici devo essere adottate le norme UNI TS 11300.

Per ulteriori informazioni    www.casaeclima.com